Design Principles: Visual Perception And The Principles Of Gestalt

Quando si parla di percezione si finisce inevitabilmente a parlare della teoria della Gestalt o “teoria della forma”. Senza dilungarci troppo con i cenni storici, peraltro facilmente reperibili on-line, preferiamo soffermarci sul concetto: la percezione di un oggetto è il risultato della associazione di elementi sensoriali distinti?.

La psicologia della Gestalt identificava un processo percettivo unitario – da Wertheimer chiamato fattore "phi" – grazie al quale i singoli stimoli verrebbero integrati, nel soggetto, in una forma dotata di continuità. Ciò significava che quello che prima era stato considerato un processo passivo – il percepire – veniva ad essere pensato come qualcosa di gran lunga più attivo, come un’attività subordinata a certi principi organizzativi generali.

In parole povere sosteneva che non c’è corrispondenza diretta tra realtà empirica e realtà percettiva e che quindi per comprendere il fenomeno percettivo non bisogna partire dalla descrizione dei singoli elementi sensoriali ma dalla situazione percettiva globale perché la “forma non è data dalla semplice somma dei suoi elementi ma è qualcosa di più, di diverso”.

La percezione dunque non dipende dagli elementi ma dalla strutturazione di questi elementi in un “insieme organizzato”, in una “Gestalt” (generalmente tradotta con “forma”, “struttura”, “pattern”).

Le modalità secondo le quali si costituiscono le forme sono state classificate e descritte come “leggi della forma” e sono state elencate da Wertheimer nel 1923 nel modo seguente:

Legge della vicinanza:
gli elementi del campo percettivo vengono uniti in forme con tanta maggiore coesione quanto minore è la distanza tra di loro. Nel design di un’interfaccia possiamo utilizzare questo principio per rendere più chiara la struttura della pagina (divisione in paragrafi di un testo).

Legge della somiglianza:
gli elementi vengono uniti in forme con tanta maggior coesione quanto maggiore è la loro somiglianza. Utilizzare elementi, colori o simboli che visivamente collegano un’informazione ad un’altra aiuta a rendere accessibile e facilmente navigabile anche un sito con grandi quantità di contenuti.

Legge del destino comune:
gli elementi che hanno un movimento solidale tra di loro, e differente da quello degli altri elementi, vengono uniti in forme. In una configurazione tendono a unificarsi le linee con la stessa direzione od orientamento o movimento, secondo l’andamento più coerente, a difesa delle forme più semplici e più equilibrate.
Legge della chiusura:
le linee che formano delle figure chiuse tendono ad essere viste come unità formali. La nostra mente è predisposta a fornire le informazioni mancanti per chiudere una figura, pertanto i margini chiusi o che tendono ad unirsi si impongono come unità figurale su quelli aperti.
Legge della continuità di direzione:
una serie di elementi posti uno di seguito all’altro, vengono uniti in forme in base alla loro continuità di direzione. Nella figura percepiamo come unità AB e XY e non AY e XB o ancora AX e YB.
  Legge della pregnanza:
la forma che si costituisce è tanto “buona” quanto le condizioni date lo consentono. In pratica ciò che determina fondamentalmente l’apparire delle forme è la caratteristica di “pregnanza” o “buona forma” da esse posseduta: quanto più regolari, simmetriche, coesive, omogenee, equilibrate, semplici, concise esse sono, tanto maggiore è la probabilità che hanno d’imporsi alla nostra percezione.

Legge dell’esperienza passata:
elementi che per la nostra esperienza passata sono abitualmente associati tra di loro tendono ad essere uniti in forme. Un osservatore che non conosce il nostro alfabeto non può vedere la lettera E in queste tre linee spezzate.

 

© 2016 TconZero | mindthesign. All rights reserved

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand

Cookies are small text files that can be used by web sites to make a user's experience more efficient.

The law states that we can store cookies on your machine if they are essential to the operation of this site but that for all others we need your permission to do so.

TconZero Adv does use some non-essential cookies. We do not do this to track individual users or to identify them, but to gain useful knowledge about how the site is used so that we can keep improving it for our users. Without the knowledge we gain from the systems that use these cookies we would not be able to provide the service we do.

This site uses different types of cookie.

We use Google Analytics, a popular web analytics service provided by Google, Inc. Google Analytics uses cookies to help us to analyse how users use the site. It counts the number of visitors and tells us things about their behaviour overall – such as the typical length of stay on the site or the average number of pages a user views.

The information generated by the cookie about your use of our website (including your IP address) will be transmitted to and stored by Google on servers in the United States. Google will use this information for the purpose of evaluating your use of our website, compiling reports on website activity and providing other services relating to website activity and internet usage. 

Google may also transfer this information to third parties where required to do so by law, or where such third parties process the information on Google's behalf. Google undertakes not to associate your IP address with any other data held by Google.

If you have Adobe Flash installed on your computer (most computers do) and you use Out-Law.com's audio or video players, Google Analytics will try to store some additional data on your computer. This data is known as a Local Shared Object or Flash cookie. This helps us to analyse the popularity of our media files. We can count the total number of times each file is played, how many people watch videos right to the end and how many people give up half way through. Adobe's website offers tools to control Flash cookies on your computer.

If you want to delete any cookies that are already on your computer, please refer to the instructions for your file management software to locate the file or directory that stores cookies. You can access them through some types of browser. Search in your cookie folders to find our cookie and the Google Analytics cookie if you wish to delete them.

More information about cookies, including how to block them or delete them, can be found at AboutCookies.org.

Some third party cookies are set by services that appear on our pages. They are set by the operators of that service and are not in our control. They are set by Twitter, Facebook and inShare and relate to the ability of users to share content on this site, as indicated by these icons:

If you want to delete any cookies that are already on your computer, please refer to the instructions for your file management software to locate the file or directory that stores cookies. You can access them through some types of browser. Search in your cookie folders for 'pinsentmasons' to find our cookie and the Google Analytics cookie if you wish to delete them.

More information about cookies, including how to block them or delete them, can be found at AboutCookies.org